Il Covid ha tagliato i redditi di avvocati e tecnici

Nel 2020 gli avvocati sono stati quelli che hanno perso più reddito

Nel 2020, gli avvocati sono stati quelli che hanno perso più reddito. All’estremo opposto, invece, troviamo i veterinari, che hanno incrementato i loro guadagni del 10%.

I dati sono stati elaborati dal Centro Studi dell’Associazione delle Casse Professionali (Adepp), che si è basato sulle dichiarazioni relative ai redditi del 2020 e trasmesse nel 2021.

L’analisi, però, non tiene conto di agenti di commercio, notai e farmacisti. Le Casse corrispettive, infatti, non conoscono i redditi poiché la retribuzione avviene su altri parametri.

Per quanto riguarda i professionisti ordinistici, invece, l’impatto della pandemia non è stato così devastante. Anzi: il reddito medio complessivo, dal 2019 al 2020 è salito da 32.109 a 32.463.

È un risultato a cui potrebbero aver contribuito, in parte, i sostegni extra del Governo e delle Casse. Tuttavia, tecnici e avvocati sono le categorie che hanno sofferto di più. Ingegneri e architetti sono arretrati del 3,4% e i geometri del 3,8%.

I periti industriali, invece, sfiorano il 6%, dopo sei anni di crescita ininterrotta.

Le categorie più fortunate

12 categorie, invece, registrano avanzamenti rispetto al 2019. Medici e infermieri, commercialisti e consulenti del lavoro sono cresciuti durante il lockdown. Potrebbe essere una conseguenza diretta della pandemia anche la crescita dei veterinari: le maggiori adozioni di animali durante il lockdown ha sicuramente inciso sul reddito della categoria.

Per quanto riguarda il 2021, il centro studi Adepp è ottimista: «Ci si attende una ripresa dei valori anche delle professioni tecniche che dovrebbero aver beneficiato della importante ripresa del settore edilizio per effetto dei diversi bonus riconosciuti».

Agli attuari va il record di reddito, superiore di 6mila euro rispetto all’anno 2019. All’opposto, psicologi e giornalisti freelance, con un reddito inferiore di sei volte rispetto agli attuari.

La fotografia di Adepp fa riflettere sul basso livello complessivo dei guadagni. Inoltre, è ancora molto forte la differenza di genere: le donne guadagnano il 35% di meno del reddito medio.

——————————–

LEGGI ANCHE:

LinkedIn per avvocati: breve guida all’uso professionale

L’uso professionale dei social network

Anomalie Servizi PCT – Consultazione

Si comunica che a causa di anomalie da parte del sistema Ministeriale (non di Servicematica), si stanno verificando delle interruzioni temporanee nei sistemi di consultazione dei fascicoli telematici.

Consigliamo di ripetere l’operazione in un secondo momento, se non dovesse andare a buon fine.

Ricordiamo che sarà possibile depositare telematicamente con Service1 seguendo l’apposita guida al seguente link LINK GUIDE

Smarter Italy: il programma entra nel vivo!

È cominciata la fase operativa del programma “Smarter Italy”.

Il programma è finanziato e promosso dal Ministero dello sviluppo economico, dal Dipartimento per la trasformazione digitale e dal Ministero dell’università e della ricerca. È attuato dall’Agenzia per l’Italia Digitale.

Entra nel vivo il programma di sperimentazione Smarter Italy: il primo bando (8,5 milioni di euro) per incrementare la mobilità sostenibile all’interno dei Comuni italiani attraverso la sperimentazione di nuove tecnologie.

“Smarter Italy”, con oltre 90 milioni di euro, vuole promuovere l’innovazione tramite la stimolazione delle imprese e della ricerca. Vuole contribuire alla creazione di nuove soluzioni, in risposta alle complesse sfide sociali in tema di mobilità, benessere, sostenibilità ambientale e cultura.

All’interno della sperimentazione sono coinvolte 11 medie e grandi città, le “Smart City” e 12 città minori, i “Borghi del Futuro”. Il bando è aperto a grandi imprese, PMI e Start up, università e centri ricerca, terzo settore presentando la candidatura entro il 30 giugno 2022.

Cos’è richiesto? Ideare una piattaforma innovativa a supporto della mobilità urbana dei comuni coinvolti, in tema di traffico, inquinamento, vivibilità dei centri storici e fruibilità dei distretti industriali.

L’Agenzia per l’Italia Digitale, in qualità di soggetto attuatore del progetto si impegnata con le proprie risorse e know how a promuovere gli appalti innovativi e favorirne lo sviluppo.

 

——————————–

LEGGI ANCHE:

Danni da vaccino anti Covid-19: chi risarcisce

LinkedIn per avvocati: breve guida all’uso professionale

Posted in Pct

Danni da vaccino anti Covid-19: chi risarcisce

Francesca Tuscano, un insegnante di sostegno, morì dopo aver ricevuto una dose del vaccino AstraZeneca a causa di una trombosi cerebrale. Il medico legale e l’ematologo hanno stabilito che «il decesso della paziente è ragionevolmente da riferirsi a effetti avversi da somministrazione di vaccino anti Covid-19». I medici coinvolti nella vaccinazione sono stati scagionati.

Francesca è stata uccisa da una rara forma di trombosi cerebrale «associata a piastrine basse, scatenata in particolare nelle giovani donne dai vaccini basati su adenovirus. Il caso di Francesca è un caso modello di reazione rarissima e gravissima avversa».

Dopo l’iniezione, Francesca aveva accusato dei fortissimi mal di testa. Successivamente, i genitori l’hanno trovata in stato di incoscienza. È morta all’Ospedale San Martino di Genova.

I familiari prenderanno dallo Stato 77.468,53 euro. Ma si tratta soltanto dell’indennizzo: i familiari, infatti, potranno anche chiedere il risarcimento del danno.

La legge 210 del 1992 prevede un indennizzo da parte dello Stato a tutti coloro che subiscono danni da emotrasfusione. Tale indennizzo è stato esteso ai danni da vaccino anti Covid-19.

Il decreto legge 4 del 2022 ha riconosciuto «l’indennità statale anche ai danni permanenti causati dalla vaccinazione anti Sars-CoV2 raccomandata dall’autorità sanitaria italiana».

Chi si ritiene danneggiato da un vaccino contro il Covid può presentare la domanda di indennizzo. Bisognerà dimostrare chiaramente, però, che i danni derivati dal vaccino dipendono esclusivamente dal vaccino e non da altre cause.

Se l’indennizzo viene riconosciuto in maniera automatica, per il risarcimento del danno è necessaria la sentenza di un giudice.

——————————–

LEGGI ANCHE:

LinkedIn per avvocati: breve guida all’uso professionale

L’uso professionale dei social network

Anomalie Servizi PCT – Consultazione

Si comunica che a causa di anomalie da parte del sistema Ministeriale (non di Servicematica), si stanno verificando delle interruzioni temporanee nei sistemi di consultazione dei fascicoli telematici.

Consigliamo di ripetere l’operazione in un secondo momento, se non dovesse andare a buon fine.

Ricordiamo che sarà possibile depositare telematicamente con Service1 seguendo l’apposita guida al seguente link LINK GUIDE

Anomalie Servizi PCT – Consultazioni

Si comunica che a causa di anomalie da parte del sistema Ministeriale (non di Servicematica),

si stanno verificando delle interruzioni temporanee nei sistemi di consultazione dei fascicoli telematici.

Consigliamo di ripetere l’operazione in un secondo momento, se non dovesse andare a buon fine.

Ricordiamo che sarà possibile depositare telematicamente con Service1 seguendo l’apposita guida al seguente link LINK GUIDE

LinkedIn per avvocati: breve guida all’uso professionale

Le nuove tecnologie e Internet hanno stravolto completamente il mondo del business. Le conseguenze hanno colpito anche il settore del lavoro indipendente.

Il web, per i lavoratori autonomi, è diventato uno spazio dove dare vita alle proprie idee. È un mercato altamente competitivo, dove bisogna trovare dei modi di sponsorizzarsi.

Sempre più avvocati usano LinkedIn come un canale di marketing legale. L’American Bar Association conferma che l’80% degli studi legali negli Stati Uniti ha creato una pagina aziendale su LinkedIn. Il social, infatti, rappresenta una grande fonte informativa per colleghi e clienti.

Come possiamo aumentare l’efficacia e la visibilità dei nostri post su LinkedIn? Basterà seguire alcuni accorgimenti.

Innanzitutto, non bisogna dare per scontato che tutte le tue connessioni vedano i post che pubblichi. Sono fondamentali le prime ore successive alla pubblicazione di un post. Bisogna essere in grado di coinvolgere sin da subito il pubblico, invitandolo a commentare tramite quesiti che richiedono risposte.

È fondamentale aver presente che non tutte le reazioni dei post hanno lo stesso peso. Un “mi piace” ha meno valore di un commento. Inoltre, la regolarità delle pubblicazioni ha un impatto positivo sui risultati di ricerca.

L’immagine di credibilità che si costruisce sui social richiede un costante sforzo. LinkedIn premia tutti gli autori che pubblicano contenuti con frequenza. Senza esagerare, ovviamente!

Ogni volta che si pubblica qualcosa, la piattaforma determina se si tratta di spam, di contenuti interessanti o di bassa qualità. Le informazioni interessanti compariranno nel feed di un numero molto ampio di utenti.

Centinaia di fattori influiscono nella valutazione di LinkedIn. Tuttavia, i 5 parametri principali che determinano il successo o l’insuccesso di un post di LinkedIn sono:

  • il giorno e l’orario di pubblicazione;
  • gli hashtag utilizzati;
  • la qualità, il peso e le dimensioni dell’immagine;
  • il numero di utenti che seguono la pagina;
  • la struttura e l’originalità del post.

Per avere una strategia vincente, è necessario stilare un calendario editoriale che tenga conto di tutto.

——————————–

LEGGI ANCHE:

L’uso professionale dei social network

Ok al “regolamento società tra avvocati”

L’uso professionale dei social network

Webinar Zoom organizzato dal COA di Milano tramite la Fondazione Forense

Sono aperte le iscrizioni al Webinar Zoom – Uso professionale dei Social Media. Saper utilizzare al meglio i Social Network a scopo professionale.

Il Webinar Zoom è finalizzato alla spiegazione di come funzionano i social media e come sfruttarli al meglio in ambito professionale.

Il Webinar si terrà dal 16 maggio 2022 al 31 maggio 2022, dalle ore 14:30 alle ore 17.30.

Organizzato dal COA di Milano, il Webinar Zoom ha il costo di 200 euro e prevede 6 crediti formativi (di cui 1 in materia obbligatoria).

Ci si iscrive qui. Se clicchi qua, invece, trovi il programma completo del Webinar Zoom.

——————————–

LEGGI ANCHE:

Ok al “regolamento società tra avvocati”

Censis: calo dei redditi per gli avvocati

Interruzione programmata dei servizi informatici settore penale in tutti i distretti di Corte di Appello

Al fine di consentire l’installazione di modifiche correttive sui sistemi di cognizione penale, in tutti i distretti di Corte di Appello si procederà all’interruzione dei relativi servizi

dalle 15:00 di giovedì 12 maggio alle 11:00 di venerdì 13 maggio p.v.

In detto arco temporale i servizi di deposito sul Portale del Processo Penale Telematico e sul Portale NDR non saranno disponibili, anche se fosse rilasciata la relativa ricevuta di deposito.

Le modifiche potrebbero interessare l’intero territorio nazionale coinvolgendo anche i sistemi del civile.

Ricordiamo che sarà possibile depositare telematicamente con Service1, creando un nuovo fascicolo ed inserendo il numero di RG.

Ok al “regolamento società tra avvocati”

Modello 5 ter per le Società tra avvocati

A partire da luglio 2022, sul sito di Cassa Forense sarà possibile compilare online il modello 5 ter per le Società tra Avvocati. La scadenza per l’invio e il pagamento è fissata al 30 settembre. Per poter procedere all’invio, la società dovrà essere registrata sul sito della Cassa.

Le Società tra Avvocati (STA) devono iscriversi obbligatoriamente nella sezione speciale dell’Albo. Inoltre, sono soggette all’obbligo contributivo e dichiarativo nei confronti della Cassa. Le STA devono procedere entro il 30 settembre di ogni anno all’invio telematico del Mod. 5 ter e al versamento della maggiorazione percentuale relativa al contributo integrativo del 4% sui corrispettivi del volume di affari IVA dell’anno precedente.

Cassa Forense predispone il modulo telematico e fornisce alla società tutte le istruzioni per la sua compilazione. Infatti, ha messo a disposizione nel proprio sito una sezione apposita riservata alle STA. È necessario registrare la STA sul sito per ricevere il codice meccanografico indispensabile all’invio del modello 5 ter.

La STA, tramite il legale rappresentante iscritto a Cassa Forense, potrà inserire tutti i dati utili alla registrazione, come:

  • partita IVA;
  • codice fiscale;
  • indirizzo della sede legale;
  • denominazione della STA che corrisponde a quanto riportato nell’atto costitutivo da allegare in PDF;
  • deata di costituzione della STA;
  • foro di iscrizione della STA;
  • data di iscrizione della STA all’Albo;
  • indirizzo PEC;
  • indirizzo email.

Dopo aver concluso la procedura di registrazione, potrà essere effettuato l’invio. Seguirà il rilascio della ricevuta di avvenuta registrazione e l’invio del codice meccanografico all’indirizzo PEC.

A questo punto la STA potrà inviare il modello 5 ter. Tutta la procedura di compilazione del modello sarà disponibile a partire da luglio 2022.

——————————–

LEGGI ANCHE:

Censis: calo dei redditi per gli avvocati

Linguaggio non ostile dentro e fuori il processo

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Iso 27017
Iso 27018
Iso 9001
Iso 27001
Iso 27003
Agid
RDP DPO
CSA STAR Registry
PPPAS
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi