Avvocati e pensione: come presentare al domanda

Burocrazia meno complessa con la domanda online per richiedere la pensione degli avvocati

Il progresso tecnologico compie di giorno in giorno nuovi passi dando vita a nuove opportunità per il miglioramento della quotidianità. In particolare, ne beneficia da sempre la lunga e complessa burocrazia a cui contrasta l’attuale possibilità di fare domande per bandi o quant’altro onlineaccorciandone notevolmente i tempi. Nello specifico, il 2022 comincia con un’importante novità per il mondo degli avvocati, che ora potranno richiedere la pensione online.

Chi può fare la domanda online per richiedere la pensione dei professionisti legali

Attualmente, la procedura informatica si può utilizzare solo per le richieste di pensione di:

  • vecchiaia (70 anni di età e 35 anni di contribuzione);
  • contributiva (70 anni e 5 anni di contribuzione);
  • vecchiaia anticipata (65 anni);
  • anzianità (62 anni e 40 di contribuzione).

Comunque, alla domanda online si affianca quella classica basata su carta e PEC. Effettivamente, questa rimane l’unica utilizzabile per tutte le altre prestazioni previdenziali. Ad esempio, le pensioni di invalidità, di reversibilità, e quelle indirette.

 

 

Dal sito di Cassa Forense è possibile inoltrare la domanda di pensionamento

Dunque, dal 10 gennaio collegandosi al sito della Cassa forense si potrà presentare la domanda di pensione online. Al proposito, Angelo Strano (dirigente e responsabile del servizio “Prestazioni previdenziali” della Cassa Forense) raccomanda questi passaggi:

  1. Scannerizzare la tessera sanitaria dell’iscritto (fronte/retro) e il modulo delle detrazioni fiscali. A quest’ultima si accede dalla pagina web della procedura, la cui compilazione è però opzionale;
  2. Entrare nell’Area Riservata (“posizione personale”). Qui, si richiede il codice meccanografico e il pin;
  3. Una volta che si è nella propria pagina web, andare al menu “Istanze on line”. Quindi, si autorizza al trattamento dei dati;
  4. Ora, si dovrà selezionare la tipologia di trattamento previdenziale disponibile in base ai requisiti che si possiedono. Al proposito, per ognuna delle tipologie è disponibile il link alla normativa di riferimento;
  5. A questo punto, si visualizzano i dati anagrafici in possesso dalla Cassa forense relativamente all’iscritto. In caso di dati non aggiornati, si dovranno modificare cliccando su un link che porta alla parte anagrafica della propria pagina web;
  6. Poi, si visualizzano i dati reddituali dei vari anni non comunicati alla Cassa, che devono fornirsi al fine della conclusione positiva della procedura. Quindi, Strano sottolinea che questo passaggio non si prevede nella procedura cartacea. Infatti, qui bisogna indicare il reddito solo degli ultimi 2 anni. E, in caso di dati che mancano per gli anni prima, l’iscritto viene successivamente contattato dalla Cassa per fornirli;
  7. In seguito, si comunicano le coordinate bancarie dove si vuole che si accrediti la pensione;
  8. Quindi, si allega un file che deve contenere contestualmente la tessera sanitaria scannerizzata fronte/retro e l’eventuale modulo sulle detrazioni fiscali;
  9. A quel punto, il richiedente può scaricare l’anteprima della domanda di pensione. Se certo che tutto sia corretto, deve poi cliccare su “trasmetti”.
  10. Infine, il professionista dovrà cliccare sull’icona “ricevuta”, ottenendo di conseguenza la conferma che la domanda è stata correttamente inviata. In questa fase conclusiva, si rilascerà anche il numero di protocollo, e la relativa data.

Come si precisa nella Carta dei Servizi, la conclusione del processo di definizione del trattamento avverrà entro i 90/120 giorni successivi.

 

——————————–

LEGGI ANCHE:

L’Avvocatura dice no alle sentenze da remoto

Il decreto Milleproroghe è in Gazzetta Ufficiale

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai settimanalmente notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Iso 27017
Iso 27018
Iso 9001
Iso 27001
Iso 27003
Agid
RDP DPO
CSA STAR Registry
PPPAS
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi