gratuito patrocinio

Alzata la soglia reddituale per accedere al gratuito patrocinio

L’ammissione al gratuito patrocinio ora può avvenire anche a fronte di un soglia reddituale più alta rispetto al passato.

La misura è contenuta nel Decreto del Ministero della Giustizia del 23 luglio 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale lo scorso 30 gennaio 2021.

GRATUITO PATROCINIO, COME FUNZIONA

Il gratuito patrocinio garantisce che anche i non abbienti possano beneficiare di assistenza legale nel momento in cui dovessero averne bisogno. In tal caso, i compensi degli avvocati e le spese ricadono sullo Stato.

Per poter essere ammessi al gratuito patrocinio bisogna rispettare alcuni requisiti, il principale dei quali riguarda il reddito del soggetto richiedente.

I requisiti di reddito sono indicati nel “testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di spese di giustizia“(cfr. d.P.R. n. 115/2002).

L’art.77 prevede che i limiti di reddito per l’ammissione al gratuito patrocinio vengano rivisti ogni due anni in base all’indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati dell’ISTAT.

La soglia stabilita dal decreto del 16 gennaio 2018 era pari a 11.493,82€.

GRATUTI PARTROCINIO, LA NUOVA SOGLIA

Alla luce di quanto indicato, il decreto di luglio 2020 ha rivisto la soglia innalzandola a 11.746,68€.

L’aumento è stato deciso a fronte di una crescita dei prezzi dell’indice ISTAT pari allo 0,022.

ECCEZIONI AI REQUISITI

Con la sentenza n.1 dell’11 gennaio 2021, la Corte Costituzionale ha ritenuto legittimo l’accesso automatico al gratuito patrocinio da parte delle vittime di reati contro la libertà e l’autodeterminazione sessuale, specie se minori, indipendentemente dal reddito percepito.

I reati per i quali è valida tale eccezione sono quelli indicati agli articoli 572583-bis609-bis609-quater e 612-bis, 600600-bis600-ter600-quinquies601602609-quinquies e 609-undecies del codice penale.

 

Migliora lo smart working con gli strumenti giusti. Scopri i prodotti Servicematica.

——–

LEGGI ANCHE:

Rafforzare le ADR per una giustizia più efficiente

Deposito frazionato via pec? Sì, ma attenzione ai termini

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai settimanalmente notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Agid
iso9001
27001
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi