Superamento delle tariffe professionali - Servicematica

Superamento delle tariffe professionali, ok se c’è accordo tra le parti

Il superamento delle tariffe professionali degli avvocati è ammesso, a patto che sia una decisione presa in accordo con il cliente.

La legittimità del superamento delle tariffe è sancita dall’ordinanza n. 2631 della Corte di Cassazione pubblicata il 4 febbraio 2021.

IL CASO

Il cliente di un avvocato chiede la restituzione di una parte del compenso pagato al proprio difensore per una sua assistenza professionale.

Inizialmente, lo stesso cliente e l’avvocato difensore pattuiscono in forma scritta che, in caso di vittoria, quest’ultimo avrebbe ricevuto il 10% di quanto ottenuto, più la copertura delle spese e degli oneri.

Successivamente, pattuiscono un importo diverso che però poi il cliente trova sproporzionato perché non in linea con le tariffe forensi e non adeguato all’attività del difensore, considerata modesta.

Il Tribunale rigetta la doglianza e il cliente ricorre in Cassazione.

SUPERAMENTO DELLE TARIFFE PROFESSIONALI, ESISTE UNA GERARCHIA

Anche la Corte di Cassazione rigetta il ricorso.

La Cassazione motiva la decisione considerando corretta l’applicazione da parte del Tribunale dell’art.2233 c.c. sui compensi dei prestatori di opere intellettuali.

Questo il testo dell’articolo:

   Il compenso,  se  non è convenuto dalle parti e non può essere determinato secondo le  tariffe  o gli usi, è determinato dal giudice, (sentito il parere dell’associazione professionale a cui il professionista appartiene).
(1)   In ogni  caso  la  misura  del  compenso deve essere adeguata all’importanza dell’opera e al decoro della professione.

   Sono nulli,  se  non  redatti  in  forma  scritta, i patti conclusi tra gli avvocati ed  i  praticanti  abilitati con i loro clienti che stabiliscono i compensi professionali. (2)

(1) L’inciso   deve   ritenersi   abrogato   per  effetto  della  soppressione dell’ordinamento corporativo, disposta con R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721.
(2) Comma cosi’ sostituito dall’art. 2 D.L. 4 luglio 2006 n. 223,  convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto 2006 n. 248.

L’articolo dunque suggerisce che gli accordi scritti con i clienti permettono il superamento delle tariffe professionali.

Nell’ordinanza la Cassazione spiega che: «l’art. 2233 cod. civ. pone una gerarchia di carattere preferenziale, indicando in primo luogo l’accordo delle parti ed in via soltanto subordinata le tariffe professionali, ovvero gli usi: le pattuizioni tra le parti risultano dunque preminenti su ogni altro criterio di liquidazione ed il compenso va determinato in base alla tariffa ed adeguato all’importanza dell’opera soltanto in mancanza di convenzione».

 

Migliora lo smart working con gli strumenti giusti. Scopri i prodotti Servicematica.

——–

LEGGI ANCHE:

Alzata la soglia reddituale per accedere al gratuito patrocinio

Rafforzare le ADR per una giustizia più efficiente

 

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai settimanalmente notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Agid
iso9001
27001
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi