ADR

Rafforzare le ADR per una giustizia più efficiente

Con la delibera del 23 gennaio 2021 l’Ordine Congressuale Forense ha espresso la necessità di rafforzare le ADR alla luce delle difficoltà della giustizia italiana.

I tempi lunghi, la mole di lavoro arretrato e i costi della giustizia rappresentano un serio problema da anni, che ora diventa ancor più di attualità poiché l’accesso ai fondi del Recovery Plan è vincolato alla realizzazione di riforme.

Il rafforzamento delle ADR (Alternative Dispute Resolution) non punta a creare un sistema di giustizia alternativo, ma a rendere più efficiente quello già esistente.

IL VALORE DELLE ADR

Questi strumenti alternativi di risoluzione delle controversie permettono infatti una scelta più ampia, quindi più precisa, di canali attraverso i quali garantire la giustizia. La loro peculiarità sta nel trovare soluzioni che non nascono dallo scontro fra le parti ma dalla loro collaborazione.

Tra di essi figurano l’arbitrato, la negoziazione assistita e la mediazione civile e commerciale.

Diverso è il riconoscimento del loro valore in Europa e in Italia.

A livello Europeo le ADR sono sostenute da due provvedimenti: la Direttiva sulle ADR (52/2008) e il Regolamento n. 524/2013 sulle ODR (Online Dispute Resolution) per le controversie legate agli e-commerce. Entrambi i provvedimenti mostrano alcuni caratteri comuni per la risoluzione alternativa delle controversie: imparzialità, trasparenza, garanzia del contraddittorio, informazioni adeguate, durata massima di 90 giorni e costi limitati.

In Italia la materia è alquanto frammentata e necessiterebbe di un intervento che possa portare ordine e applicabilità.

ADR: LA DELIBERA DELL’OCF

Secondo l’OCF, il rafforzamento delle ADR permetterebbe di affrontare parte dei problemi generati dai ritardi e dagli arretrati della giustizia.

Nella delibera, l’Organismo indica alcune linee guida in materia di arbitrato, mediazione e negoziazione assistita.

Arbitrato:
ampliare gli ambiti d’intervento, istituire maggiori incentivi fiscali, formare gli arbitri, permettere l’emissione di decreti ingiuntivi, prevedere il patrocinio gratuito.

Mediazione:
introdurre agevolazioni e incentivi, mantenere le attuali tariffe, prevedere un trattamento di favore per la mediazione facoltativa equiparando le tariffe a quelle delle mediazione obbligatoria.

Negoziazione assistita:
formare maggiormente gli avvocati, snellire la procedura, estendere l’ambito di applicazione, aumentare l’efficacia agli accordi conclusivi, istituire il gratuito patrocinio e permettere gli incontri da remoto.

Migliora lo smart working con gli strumenti giusti. Scopri i prodotti Servicematica.

——–

LEGGI ANCHE:

Specializzazioni forensi e corsi di formazione: pronto il ricorso

COVID: e se Facebook fosse un alleato della Giustizia?

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai settimanalmente notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Agid
iso9001
27001
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi