specializzazioni forensi e corsi di formazione - Servicematica

Specializzazioni forensi e corsi di formazione: pronto il ricorso

La modifica delle specializzazioni forensi, indicata nel decreto del Ministero della Giustizia n. 163 del 12 dicembre 2020, ha sollevato alcune perplessità. I COA di Roma e Napoli sono intenzionati a fare ricorso al TAR e non è escluso che altri si uniscano.

La motivazione alla base del ricorso è legata ai corsi di formazione per ottenere il titolo di avvocato specialista.

Vi è infatti la contrapposizione tra ordini e associazioni specialistiche sulla definizione autonoma dei percorsi formativi.

IL RICORSO

Il decreto del Ministero della Giustizia n. 163/2020, prevede che, per l’avvio dei corsi formativi, gli ordini stipulino delle convenzioni con le associazioni specialistiche più rappresentative. Ma gli ordini chiedono di potersi muovere in autonomia.

A spiegare la situazione, il comunicato pubblicato dal Consiglio dell’Ordine di Roma:

“la disposizione regolamentare appare violativa dell’art. 9 legge 247/2012 ed ingiustamente offensiva e penalizzante per gli ordini che sono addirittura esclusi dal percorso formativo dei futuri specialisti nei settori dove, non esistendo associazioni specialistiche maggiormente rappresentative, sono addirittura nell’impossibilità di stipulare convenzioni all’uopo abilitanti.”

IL TESTO DEL DECRETO SULLE SPECIALIZZAZIONI FORENSI

Per darvi un’idea più chiara, riportiamo il testo integrale dei commi del  decreto del Ministero della Giustizia n. 163/2020 relativi all’organizzazione dei corsi:

3.  Ai  fini  della  organizzazione  dei  corsi, il Consiglio nazionale forense o i consigli dell’ordine  degli avvocati stipulano con le articolazioni di cui al  comma 1 apposite convenzioni per assicurare il conseguimento di una formazione  specialistica orientata all’esercizio della professione nel settore e nell’indirizzo di specializzazione. Il Consiglio nazionale forense può  stipulare le convenzioni anche d’intesa con le associazioni specialistiche maggiormente   rappresentative di cui all’articolo 35,  comma 1, lettera s), della legge 31 dicembre 2012, n. 247.

4.  I consigli dell’ordine stipulano le predette convenzioni d’intesa con le associazioni  specialistiche maggiormente rappresentative di cui all’articolo 35, comma 1, lettera s), della legge 31 dicembre 2012, n. 247.

CONCLUSIONE

Le specializzazioni forensi mostrano dunque un nodo da sciogliere: chi può organizzare i corsi di formazione?

Da una parte, il nuovo regolamento impone che vengano stipulate convenzioni con le associazioni. Dall’altra, i COA chiedono la propria autonomia. Infine, le associazioni specialistiche già in passato hanno accolto con poco entusiasmo l’idea che l’organizzazione dei corsi di formazione venisse estesa ad altri soggetti.
Si attendono sviluppi.

Migliora lo smart working con gli strumenti giusti. Scopri i prodotti Servicematica.

——–

LEGGI ANCHE:

COVID: e se Facebook fosse un alleato della Giustizia?

Recovery Plan, le proposte del CNF

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai settimanalmente notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Agid
iso9001
27001
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi