caricabatterie-per-cellulare

Caricabatterie universali per tablet e cellulari

I parlamentari europei chiedono alla Commissione di agire per un caricabatterie universale

Già da anni, noi tutti ci destreggiamo tra i diversi cavi dei caricabatterie distinguendo necessariamente ora quelli del tablet, ora quelli dello smartphone. Certamente, soprattutto per chi si ritrova ad aver a che fare quotidianamente con più apparecchiature elettroniche (pensiamo in particolare a studi professionali o liberi professionisti) si tratta di una scomodità di non poco conto. Non solo: tale molteplicità di soluzioni caricabatterie rappresenta anche un problema a livello di inquinamento, di rifiuti elettronici e di spreco di materie prime. Per questi motivi, i parlamentari europei stanno insistendo per ottenere un caricabatterie universale per tutti.

Caricabatterie universale per il problema dei rifiuti elettronici

“Nell’ultimo decennio, il Parlamento europeo ha spinto la Commissione a presentare una proposta su un caricatore universale al fine di affrontare il problema dei rifiuti elettronici […]”. Ed in effetti, l’impulso parte addirittura nel 2014, quando lo stesso Parlamento Europeo sostiene l’utilità di un caricabatterie comune per tutti i cellulari. Tuttavia, se inizialmente si agiva durante le negoziazioni della direttiva Radio Equipment (RED), ora la tecnica è di agire attraverso relazioni di iniziativa, risoluzioni e domande rivolte ai commissari.

 

 

In effetti, Anna Cavazzini (Verdi/SLE, Germania) afferma che “Le apparecchiature elettriche ed elettroniche continuano ad alimentare uno dei flussi di rifiuti in più rapida crescita nell’UE. [Perciò] E’ particolarmente importante che le norme proposte si applichino non solo agli smartphone ma anche ai tablet e ad altri dispositivi mobili […]”. Per altro, considerando i rapidi sviluppi tecnologici degli ultimi anni, la Commissione avrebbe già perso molto tempo.

Ora, a sentire la stessa Cavazzini, il Parlamento lavorerà su questa proposta legislativa. E verrà fatto il possibile per garantire un’agevole cooperazione con la Commissione ed il Consiglio, per raggiungere un accordo che vada a beneficio tanto dei consumatori europei quanto dell’industria. Il punto è costituito dagli obiettivi del Green Deal europeo: snodo fondamentale per attenuare l’impatto climatico.

 

LEGGI ANCHE:

Bando contributi per strumenti informatici per avvocati

Passaporto vaccinale, il Parlamento Europeo accelera

 

 

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai settimanalmente notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Iso 27017
Iso 27018
Iso 9001
Iso 27001
Iso 27003
Agid
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi