Violazione della privacy e danno non patrimoniali. Il risarcimento non è scontato

Violazione della privacy e danno non patrimoniale. Il risarcimento non è scontato

Come funziona il risarcimento dei danni derivante dalla violazione della privacy? Una sentenza della Cassazione ci offre qualche informazione in più.

Con l’ordinanza n. 16402 del 10 giugno 2021, la Cassazione si è discostata dal tenore di decisioni precedenti in materia, rigettando la richiesta di risarcimento economico del danno non patrimoniale.

QUALI DANNI DALLA VIOLAZIONE DELLA PRIVACY

La violazione delle norme sulla protezione dei dati personali difficilmente causa un danno materiale vero e proprio.
Solitamente, il danno riguarda la sfera emotiva, la reputazione sociale o la serenità dell’individuo che subisce la violazione. Pensiamo, per esempio, all’effetto che può avere la condivisione di informazioni personali che dovevano rimanere private o il trasferimento illecito dei dati.

Si tratta di danni non patrimoniali.

COME FUNZIONA IL RISARCIMENTO DI UN DANNO NON PATRIMONIALE

Per stabilire se il danno non patrimoniale porti a una forma di risarcimenti economico è necessario dimostrare la gravità della lesione subita.
Sarà il giudice a stabilire se ci si trova davanti a un danno reale e serio o se si tratta si una “semplice” violazione delle norme sulla privacy.

Nella recente ordinanza, la Cassazione ha ripreso quanto deciso nella pronuncia n. 17383 del 20/8/2020, ribadendo che un danno non patrimoniale derivante dalla violazione della normativa privacy, sebbene questa rappresenti una lesione di un diritto fondamentale (artt. 2 e 21 della Costituzione e art. 8 della CEDU), è soggetto alla valutazione della “gravità della lesione” e della “serietà del danno”, poiché tale diritto va bilanciato con il principio di solidarietà (ex art. 2 della Costituzione) che prevede di tollerare la lesione minima dello stesso.
In sostanza, la semplice violazione delle norme sulla protezione dei dati personali non rappresenta di per sé un buon motivo per ottenere un risarcimento, possibile solo nel caso in cui vi siano le prove che la stessa ha causato un’offesa considerevole al diritto dell’individuo.

Ciò si pone in accordo con quanto previsto dal GDPR (art. 79 e 82) e dalla Carta dei diritti Fondamentali dell’Unione Europea (art. 47).

Vuoi adeguarti alla normativa sulla privacy? Scopri i servizi e i prodotti di Servicematica.

——–

LEGGI ANCHE:

Trattamento dei dati giudiziari. Il Garante approva il decreto ministeriale

Regolamento Chatcontrol UE. Preoccupazioni per il monitoraggio di massa

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai settimanalmente notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Iso 27017
Iso 27018
Iso 9001
Iso 27001
Iso 27003
Agid
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi