Approvata la Riforma del CSM

Giovedì mattina il Senato ha approvato il progetto di riforma del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM).

La riforma è stata approvata con 173 voti a favore, 37 contrari e 16 astenuti. La riforma è stata approvata ad aprile dalla Camera, con l’intenzione di ridurre il peso di correnti politiche all’interno del CSM.

Riforma del CSM e Recovery Fund

La riforma è uno dei punti principali della Riforma della Giustizia, che ha già modificato il processo civile e penale. L’Italia si è impegnata ad approvare la riforma per riuscire ad ottenere dall’Ue i finanziamenti previsti dal Recovery Fund.

I punti fondamentali della riforma sono due: il modo in cui si eleggono i membri del CSM e quello che succede ai magistrati che hanno intenzione di candidarsi.

Anche la Lega aveva approvato la riforma. Negli ultimi giorni ha proposto degli emendamenti, ma sono stati tutti respinti. Se avessero avuto esito positivo, il parlamento sarebbe stato costretto a sottoporre il disegno di legge ad una terza lettura della Camera. Si sarebbe rimandata l’approvazione definitiva, impedendo che l’elezione di settembre dei nuovi membri del CSM si svolgesse con le nuove norme.

Il PD, invece, nei giorni scorsi aveva criticato duramente gli emendamenti presentati. Secondo il PD, la Lega voleva fare ostruzionismo contro una legge che era stata proposta dalla maggioranza.

La Lega aveva presentato un emendamento che mirava a introdurre nella riforma una modifica completamente estranea al CSM. Ovvero, aveva riproposto quanto previsto dal secondo quesito del referendum sulla Giustizia, bocciato domenica scorsa. Il quesito chiedeva la riduzione dei casi in cui si applicano le misure cautelari.

——————————–

LEGGI ANCHE:

ENPAPI: aperte le iscrizioni per gli avvocati

Webinar “Sanzioni dell’UE a seguito dell’invasione russa in Ucraina”

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Iso 27017
Iso 27018
Iso 9001
Iso 27001
Iso 27003
Agid
RDP DPO
CSA STAR Registry
PPPAS
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam