Windows 7

Gennaio 2020: Windows 7 va in pensione. Ecco cosa fare.

Il 14 gennaio 2020 Microsoft concluderà il periodo di supporto a Windows 7 durato 10 anni.
Nei primi 5 anni l’azienda ha garantito l’assistenza tecnica e il rilascio periodico di aggiornamenti e patch di sicurezza per la risoluzione di quei problemi che, inevitabilmente, ogni software presenta. Nei secondi 5 anni, ha limitato il supporto ai soli aggiornamenti di sicurezza.

A partire da gennaio 2020, questi non verranno più rilasciati.

SI PUÒ CONTINUARE A USARE WINDOWS 7?

Sì, Windows 7 potrà continuare ad essere usato.
Qualche funzione, per esempio alcuni giochi, potrebbe non rispondere più, ma nell’immediato non vi saranno difficoltà operative.

Il vero problema di continuare a usare un sistema giunto ormai alla fine della propria vita è l’esposizione a rischi legati alla sicurezza.
La mancanza di aggiornamenti rende infatti il sistema operativo, e quindi il pc, più soggetto ad attacchi informatici, virus, data breach e altro.
Gli hacker si evolvono, nuovi virus vengono creati, ma il vostro sistema operativo rimarrà fermo ai rischi dell’epoca dell’ultimo aggiornamento e non avrà le difese necessarie ad affrontare le nuove minacce.

Un altro problema che si verificherà nel lungo periodo è legato alla compatibilità con altri software (gestori mail, antivirus, gestionali, ecc.).
Le case produttrici, infatti, smetteranno di creare programmi che “girano” su Windows 7 e, quindi, la gamma di software disponibili agli utenti Windows 7 andrà via via riducendosi.

Vi è comunque la possibilità che Microsoft rilasci in via del tutto eccezionale qualche patch per affrontare problematiche particolarmente gravi. Così ha fatto in passato con altri sistemi operativi e, sebbene non sia una certezza, potrebbe rifarlo anche in futuro.

Buone abitudini nel caso voleste continuare a utilizzare Windows 7:

– dotatevi di un buon antivirus,
– scegliete un browser web valido (Google Chrome o Mozilla Firefox),
– attivate un firewall e non disattivatelo mai,
– visitate solo siti sicuri,
– prestate attenzione agli allegati che ricevete via mail (potrebbero essere virus),
non scaricate file e programmi da siti non ufficiali,
– fate spesso backup,
evitate di memorizzare le password, di effettuare pagamenti con carte di credito, di utilizzare servizi con accesso tramite credenziali (homebanking),
staccate il vostro pc dalla rete locale.

COSA E MEGLIO FARE?

È vero, con la fine del supporto a Windows 7 il vostro pc continuerà a funzionare come al solito, ma prima o poi dovrete fare i conti con l’obsolescenza del sistema operativo.

Sarebbe meglio fare qualcosa prima di ritrovarsi a dover affrontare problemi davvero gravi. Ma cosa?

Microsoft consiglia di passare a Windows 10, un sistema operativo più recente con aggiornamenti costanti che garantiscono alti livelli di sicurezza.

Per passare a Windows 10 ci sono 2 vie:
comprare un nuovo pc, che avrà Windows 10 installato di default;
acquistare la licenza del sistema operativo e scaricarlo nel pc, a patto che questo sia in grado di supportarlo. In questo caso, vi servirà l’aiuto di un tecnico che possa indicarvi se il vostro computer è sufficientemente potente e che possa installarvi il nuovo sistema operativo.

Per ogni dubbio o aiuto, potete affidarvi a noi e alla nostra assistenza tecnica. Potete anche richiederci l’acquisto di un pc creato appositamente per le vostre esigenze.

SE HAI UN’AZIENDA

Microsoft ha predisposto il programma Extended Security Updates (ESU) per permettere ad aziende grandi e piccole, pubbliche e private, che non possono passare velocemente a Windows 10, di utilizzare ancora Windows 7 senza i rischi connessi all’obsolescenza.

Il programma altro non è che un servizio in abbonamento che permette di ricevere aggiornamenti per Windows 7 anche dopo il 14 gennaio 2020.

Extended Security Updates per Windows 7 comprende 3 anni di aggiornamenti di sicurezza, fino a gennaio 2023. È attivabile solo a partire da Windows 7 Enterprise e Windows 7 Professional e prevede prezzi crescenti di anno in anno.

Per avere maggiori informazioni e ottenere l’attivazione è necessario trovare un partner autorizzato Microsoft. È possibile farlo da questo indirizzo, specificando Windows 7 in Prodotti.

Avete domande o dubbi sul vostro pc con Windows 7? Volete valutare delle alternative? Contattateci.

TORNA ALLE NOTIZIE

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Agid
iso9001
27001
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi