Fatture elettroniche: nuova proroga al termine di adesione al servizio di consultazione AdE

Fatture elettroniche: nuova proroga al termine di adesione al servizio di consultazione AdE

Con il provvedimento del 23 settembre 2020, l’Agenzia delle Entrate ha informato che il termine per ladesione al servizio di consultazione delle fatture elettroniche è stato nuovamente prorogato, questa volta al 28 febbraio 2021.

Non è la prima proroga ed esattamente come nei casi precedenti anche stavolta la motivazione è legata alla privacy.

IL SERVIZIO DI CONSULTAZIONE DELLE FATTURE ELETTRONICHE E LA PRIVACY

Il servizio di consultazione delle fatture elettroniche è destinato anche agli utenti privati ed è stato introdotto dall’Agenzia delle Entrate con il provvedimento del 21 dicembre 2018.
Grazie al servizio sarà possibile visualizzare online tutte le fatture emesse nei propri confronti.

È un sistema apparentemente molto comodo per l’utente, ma presenta un lato oscuro. Infatti, tutte le fatture transitano attraverso il Sistema di Interscambio dell’Agenzia delle Entrate e confluiscono poi nella banca dati del Fisco che ha così accesso a un’enorme mole di informazioni su imprese e cittadini.
Con ‘enorme mole’ non intendiamo solo quantitativamente, ma anche qualitativamente: l’AdE può memorizzare e utilizzare tutti i dati contenuti nelle fatture, non solo quelli puramente ‘economici’.

A ciò va aggiunto che l’articolo 14 del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124 ha esteso a 8 anni il termine per la conservazione dei dati contenuti nelle fatture elettroniche.

Fin dall’inizio il Garante della Privacy ha sottolineato come l’archiviazione massiccia di dati sensibili dell’intera popolazione sia sproporzionata rispetto alle finalità di controllo fiscale, nonché rischiosa in quanto sintomo di una deriva antidemocratica delle Istituzioni.

IL NUOVO TERMINE PER L’ADESIONE

Il Garante chiede che la nuova scadenza per l’adesione al servizio di consultazione delle fatture elettroniche e la loro cancellazione in caso di non adesione sia, questa volta, certa (provvedimento dell’Autorità Garante del 9 settembre 2020).

Fino a tale scadenza permane un periodo di transizione durante il quale l’AdE può conservare tutte le fatture che transitano attraverso il Sistema di Interscambio. Nel caso poi un utente decidesse di non aderire, tutti i dati dovranno essere cancellati entro 30 giorni.

Service1 permette la creazione, l’invio e la conservazione delle fatture elettroniche con un’ interfaccia più semplice e una modalità più veloce rispetto a software simili. Scopri di più.

——–

LEGGI ANCHE:

Fattura elettronica, l’elenco di tutti i codici errore

GDPR: ripassiamo le sanzioni previste

TORNA ALLE NOTIZIE

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Agid
iso9001
27001
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi