Fattura elettronica: nuove specifiche tecniche a partire dal 1° ottobre

Fattura elettronica: nuove specifiche tecniche a partire dal 1° ottobre

Con il provvedimento n.166579/2020 del 20 aprile 2020, l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato le specifiche tecniche dei tracciati xml della fattura elettronica, abbandonando alcuni codici e inserendone di altri.

Le nuove specifiche tecniche, la versione 1.6.1, vengono introdotte attraverso un periodo di transizione che parte dal 1° ottobre 2020.
Durante tale periodo il Sistema di Interscambio accetterà fatture elettroniche e note di variazione predisposte seguendo sia il nuovo schema che quello precedente (versione 1.5).

Dal 1° gennaio 2021 il Sistema di Interscambio accetterà solo le fatture e le note di variazione conformi al nuovo schema.

FATTURA ELETTRONICA E SPECIFICHE TECNICHE: QUALI NOVITÀ

Tra le novità introdotte dalla versione 1.6 delle specifiche tecniche evidenziamo:

– nuovi codici «TipoDocumento»
Viene ampliata la gamma di documenti che possono essere emessi e trasmessi.
Un esempio è il codice TD20, al momento utilizzabile in diversi casi, tra i quali il reverse charge. Con le nuove specifiche, il reverse charge presenta 3 nuovi codici:
TD16 per quello interno,
TD17 per acquisti di servizi da soggetti UE ed extra-UE,
TD18 per acquisti da fornitori UE;

– nuovi codici «Natura IVA»
I nuovi codici faciliteranno la dichiarazione Iva precompilata;

– nuovi codici «Tipo ritenuta»
Viene introdotta la possibilità di inserire più ritenute all’interno della stessa fattura. Sono ammesse ritenute di tipo previdenziale e la ritenuta d’acconto.
Si passa dai seguenti codici:
RT0 ritenuta persone fisiche,
RT02 ritenuta persone giuridiche,
a questi:
RT01 ritenuta persone fisiche,
RT02 ritenuta persone giuridiche,
RT03 contributo Inps,
RT04 contributo Enasarco,
RT05 contributo Enpam,
RT06 altro contributo previdenziale;

– nuovi codici «Modalità pagamento»
Viene introdotto il codice per i pagamenti tramite PagoPA.

Cerchi un software facile e affidabile per la fatturazione elettronica? Scopri Service1!

———

LEGGI ANCHE:

Diffamazione sui social: non si può pubblicare tutto ciò che si pensa…

Trojan di Stato, in bilico tra giustizia e diritti fondamentali

TORNA ALLE NOTIZIE

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Agid
iso9001
27001
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi