parlare in pubblico

Come affrontare la paura di parlare in pubblico?

Sono molte le persone che per via della loro professione devono parlare di fronte ad un pubblico. Una buona parte di queste persone si lascia prendere dal panico, entrando in uno stato d’ansia che fa tremare la voce, sudare molto e provare confusione mentale.

Ognuno è diverso e potrebbe accusare sintomi diversi, anche se tutti sono collegati ad un’esplosione di panico, che ha radice nel terrore di parlare davanti a molte persone.

Nessuno è escluso

Anche il grande Cicerone confessò di aver molta paura quando parlava davanti al pubblico – dunque, ci troviamo di fronte ad una fobia che non risparmia nessuno. Ma quali sono le cause di questa sensazione spiacevole? E quali rimedi possiamo mettere in atto per vincere la nostra paura?

In molti casi, l’ansia da prestazione si trasforma in un vero e proprio attacco di panico, con tutte le conseguenze che ne potrebbero derivare. Se non si trova un rimedio, questa condizione potrebbe addirittura addirittura cronicizzarsi. Infatti, come qualsiasi altra paura, anche questa potrebbe radicarsi talmente nel profondo da condizionare negativamente la vita di una persona.

Sono molti i pensieri che ci pervadono quando dobbiamo parlare in pubblico: mi esprimerò bene? Verrò frainteso? Darò una bella immagine di me? Il public speaking diventa un esame, dove il pubblico incarna un grande giudice che ci valuta severamente.

Impara a riconoscere la paura

Se quando parli di fronte a molte persone le tue mani cominciano a tremare e a sudare, arrossisci, non sai come muovere le mani, il tuo cuore batte velocemente, ti sembra di aver dimenticato tutto il discorso, la tua bocca diventa asciutta, ti manca il fiato… beh, soffri decisamente di paura di parlare in pubblico.

Tutto questo si rivela ancor più negativo se la tua carriera e i tuoi successi dipendono quasi del tutto dal parlare in pubblico. Frequentare dei corsi di public speaking potrebbe esserti di grande aiuto: potresti parlare davanti a tante persone con gran successo, grazie alle giuste tecniche di respirazione e ad un adeguata preparazione.

Alcuni suggerimenti utili

Ma vediamo insieme alcuni suggerimenti per affrontare la paura di parlare in pubblico.

Parlare in pubblico

Sembra paradossale, ma affrontare il pubblico prima di tenere un discorso è il migliore degli esercizi da fare. Tutto questo diventerà progressivamente abitudine, e dopo le prime incertezze verranno resettati tutti i timori, per guadagnare quell’autostima necessaria per sentirsi sicuri di sé.

È possibile anche cercare online gli indirizzi delle associazioni locali che trattano i temi che più vi interessano e partecipare alle loro riunioni per prendere la parola. Qualsiasi occasione dev’essere sfruttata: fate finta che sia una palestra dove allenarsi un po’.

Preparare il discorso

Una parte fondamentale del public speaking è la preparazione in anticipo del discorso, magari ripetendolo un paio di volte. Potresti cominciare con l’argomento che conosci meglio, per poi suddividere il tutto in: presentazione, parte centrale e chiusura. Sarebbe bene non imparare il discorso a memoria; meglio una scaletta da seguire con le keyword evidenziate.

Respirare

Potrebbe apparire superfluo, ma gli esercizi di respirazione si rivelano molto utili prima di cominciare un discorso davanti ad un pubblico. Esistono tecniche precise, di origine orientale, tutte basate sul respiro diaframmatico, che aiutano a calmare la tensione.

Spontaneità

Non preoccupatevi se commetterete un errore durante il discorso. Sarebbe semplicemente un segno di spontaneità che dimostrerà il vostro lato umano. Questo permette al pubblico di empatizzare con voi, che di conseguenza acquisirete più credibilità. Basterà bere un goccio d’acqua, sorridere alla platea e continuare a parlare.

Semplifica il discorso, senza memorizzarlo

Oltre a suddividere il discorso in tre parti, opta per una struttura lineare per evitare di cadere nell’errore di uscire fuori tema ma cercando di esporre i concetti fondamentali anche con termini diversi.

Conoscere la propria voce

E parlare lentamente: se parliamo troppo velocemente, le persone non assimileranno nulla del nostro discorso, perché noteranno soltanto l’ansia del voler finire il più presto possibile.

Parlare in maniera frenetica non fa respirare correttamente e provocherà una certa tachicardia che aumenta l’ansia. Appena ti rendi conto di quanto stai andando veloce, respira, bevi un sorso d’acqua e continua con più calma.

Un’altra cosa che potrebbe risultare utile è conoscere la propria intonazione di voce: prova a registrarti con il telefono per capire come appare il tuo timbro di voce e per essere consapevole di eventuali errori da correggere.

Postura e gestualità

Molto importante, oltre alla voce, anche la postura, che dovrà essere tutt’altro che chiusa. Allarga le braccia e cerca di essere disinvolto per dare l’impressione agli altri, ma soprattutto a te stesso, di non avere paura del giudizio del pubblico. Se non hai modo di esercitarti di fronte ad una videocamera, chiedi ad un tuo familiare di assistere alla prova e di riferirti le impressioni.

Non prendere le critiche come critiche

Ricorda che le critiche arrivano a tutti. E se arrivano, non vederle come offese ma come opportunità per migliorarti. Lavora su di te e modifica quello che ostacola i tuoi successi.

Dedica più tempo alle tecniche di rilassamento, che potrai fare anche soltanto per pochi minuti al giorno. Una sorta di training autogeno, in grado di sradicare l’ansia da prestazione che ti colpisce proprio nel momento in cui devi parlare in pubblico.

Una buona tecnica è visualizzare in anticipo come potrebbe essere il tuo intervento. Immagina di suscitare un fortissimo applauso da parte del pubblico, un consenso totale dalla platea. Allontanerai l’ansia, giorno dopo giorno!

Come per tutti i traguardi da raggiungere, è necessaria costanza nell’esercizio. Non cadere nell’errore di credere che siano necessarie un paio d’ore per risolvere il problema. Non demordere: la perseveranza ti aiuterà nella realizzazione dell’impresa e nell’acquisire la certezza di aver vinto sulle tue paure.

——————————–

LEGGI ANCHE:

Avvocato, la tua password è veramente sicura?

Per i ventenni di oggi è meglio essere disoccupati che infelici

TORNA ALLE NOTIZIE

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Iso 27017
Iso 27018
Iso 9001
Iso 27001
Iso 27003
Agid
RDP DPO
CSA STAR Registry
PPPAS
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam