Piattaforma ODR, la soluzione alle controversie legate agli e-commerce

Piattaforma ODR, la soluzione alle controversie legate agli e-commerce

Si parla spesso di ADR, le Alternative Dispute Resolution, ma esistono anche le ODR, le Online Dispute Resolution.

Le ODR sono oggetto del Regolamento n. 524/2013 del 21 maggio 2013 del Parlamento Europeo. Sono procedure alternative che risolvono controversie tra imprese e consumatori in relazione all’acquisto di beni e servizi online.

Il Regolamento va a integrare la Direttiva UE 2013/11 sulle ADR.

LA PIATTAFORMA ODR EUROPEA

Le ODR si basano su una piattaforma online europea istituita e gestita direttamente dalla Commissione. È attiva dal 15 febbraio 2016.

Si tratta di un sito web multilingue attraverso il quale i consumatori possono presentare il proprio reclamo.
La procedura funziona in 3 step:
– il consumatore compila il modulo di reclamo online, descrivendo l’oggetto dello stesso;
– il reclamo viene presentato alla controparte che propone un organismo ADR per la risoluzione del problema;
– se il consumatore accetta la proposta sull’organismo ADR, la piattaforma trasferisce il reclamo a quest’ultimo. La gestione del caso sarà completamente online e si dovrà concludere entro 90 giorni.

L’articolo 14 del Regolamento (UE) n. 524/2013 indica che le imprese e i professionisti che si occupano di vendita di beni e servizi online debbano pubblicare sui propri siti web il link alla piattaforma ODR.

DATI SULLE ODR

L’ultimo rapporto della Commissione UE sulla piattaforma ODR risale al 2019 e raccoglie i dati del periodo febbraio 2017- febbraio 2018.

All’epoca la piattaforma ha registrato circa 5 milioni di visite, con una media di circa 2.700 reclami al mese, soprattutto verso:
compagnie aeree (13%),
– venditori di abbigliamento e calzature (11%),
– venditori di beni e servizi informatici (8%).

I principali oggetti delle controversie sono stati:
– la mancata consegna della merce acquistata (25%),
– la non conformità della merce rispetto all’ordine (15%),
– la difettosità della merce(12%).

Considerando la crescita degli e-commerce, soprattutto seguito delle limitazioni imposte dalla pandemia, è presumibile che la piattaforma ODR diventi uno strumento sempre più utilizzato.

Rendi il tuo lavoro più digitale, scopri i prodotti Servicematica.

——–

LEGGI ANCHE:

Passaporto vaccinale, il Parlamento Europeo accelera

Autorità e utenti stanchi del potere delle big tech, quali prospettive?

TORNA ALLE NOTIZIE

Iscriviti alla nostra newsletter!

Iscrivendoti al servizio di Newsletter riceverai settimanalmente notizie riguardanti il settore telematico, corsi formativi e le ultime novità riguardanti il tuo lavoro.

Argomenti delle Notizie

Seleziona l'argomento che più ti interessa e leggi le notizie.

Servicematica

Nel corso degli anni SM - Servicematica ha ottenuto le certificazioni ISO 9001:2015 e ISO 27001:2013.
Inoltre è anche Responsabile della protezione dei dati (RDP - DPO) secondo l'art. 37 del Regolamento (UE) 2016/679. SM - Servicematica offre la conservazione digitale con certificazione AGID (Agenzia per l'Italia Digitale).

Iso 27017
Iso 27018
Iso 9001
Iso 27001
Iso 27003
Agid
RDP DPO
Microsoft
Cisco
Apple
vmvare
Linux
veeam

ll sito utilizza cookie tecnici, di terze parti e cookie analytics per ottimizzare il sito. Cliccando "OK" accetti l'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi